Chi siamo

QuaLiBò – visioni di (p)Arte

nasce ufficialmente nel febbraio 2002 dalla collaborazione di Lisa Masellis, Francesca Giglio, Maristella Tanzi, e Adolfo La Volpe per la ricerca musicale. Collaborazione, in realtà, già collaudata da diversi anni, i primi progetti risalgono già al 1992. Nel 2007 il gruppo si allarga a comprendere Carlo Quartararo per la direzione tecnica.
L’idea attorno a cui ruota la ricerca coreografica del gruppo è quella di un movimento inteso come emozione cinetica e segno espressivo.
La contaminazione tra le diverse espressioni artistiche, segna la direzione di un lavoro che cerca una forma aperta anche a quel particolare potere di denuncia che è insito nella creatività artistica, nel corpo e nella sua fisicità.

 

Tra gli spettacoli realizzati: “La quinta corda” (2000), “Rebecca o degli alfabeti inventati” (2002), “Sotto il sole tutto scolora”, “Taratà Tanz” (amor, amoris), “Cosa vedi?” (2003), “Sūr” Finalista Premio Scenario 2005, “Dediche mute” (2006), “Primo Sale” (2007), “Partitura privata” (selezionato per la Vetrina Anticorpi XL Network della giovane danza d’autore 2008), “(dueperdue)perdue” (creazione lista Anticorpi- eXpLo 2009), Cosa vedi? (riallestimento 2011).
Accanto alla produzione dei suoi spettacoli QuaLiBò promuove incontri di improvvisazione con musicisti e danzatori e propone performance site-specific.

 

L’Associazione si muove per la divulgazione della danza contemporanea organizzando, tra l’altro, presso il Teatro Kismet OperA di Bari, il Festival Internazionale di danza contemporanea Visioni di (p)arte che a ottobre 2011 vedrà la sua sesta edizione.

Il Festival, piattaforma di visibilità complessa per le realtà emergenti, ha riscosso un notevole successo di critica e di pubblico.
L’associazione svolge anche attività di formazione tenendo corsi regolari di danza contemporanea, laboratori di composizione coreografica.

 

Dal 2008, in paternariato con l’Associazione Tra il dire e il fare, QuaLIBò gestisce il Teatro Comunale di Ruvo di Puglia nell’ambito del progetto Teatri Abitati – Residenze Teatrali in Puglia. Nello specifico organizza la stagione di danza, cura la formazione attraverso laboratori e sta avviando tre nuove produzioni.

Ha sottoscritto il protocollo d’intesa Una Rete per il contemporaneo e fa parte della Rete Teatrale Pugliese.